Come si guardano i grafici nel trading

Sapere cosa significano alcune voci nei grafici del trading è essenziale, altrimenti risultano completamente inutili

Quante volte ci si è spaventati davanti a qualcosa che proprio non capiamo? Ad esempio quando si utilizza un nuovo smarthphone, una nuova tecnologia o come quando abbiamo usato i primi computer in commercio anni fà.

Stessa cosa lo è per il trading, non appena si inizia un nuovo percorso nel trading la prima cosa che si nota sono i grafici di ogni singolo titolo. Ma se non abbiamo mai fatto trading sui mercati finanziari fino ad ora, allora quei grafici ci sembreranno qualcosa di indecifrabile. Ma in generale è piuttosto semplice leggerli ma non sempre hanno una gran utilità

Vediamo ad esempio come si presenta il grafico, possiamo notare che in questo caso le candele rosse vanno ad inidicare tutti i momenti in cui il titolo va giù mentre in bianco quando va su. Nei Broker e in rete troviamo grafici diversi con colori diversi ma la sostanza è quella. La zona più interessante è la personalizzazione per visualizzare periodi diversi, in questo modo è possibile farsi un idea di come sta andando il titolo seguito. Ci viene indicato il prezzo di partenza (open) il prezzo di chiusura (close) poi ci indica il maggior prezzo raggiunto nel periodo impostato o nell’ultimo giorno (high) e il prezzo più basso registrato (low

Prezzo di apertura: Ci indica il prezzo di apertura del titolo che stiamo seguendo, ad esempio se stiamo seguendo la coppia di valute euro-dollaro, ci indicherà con quale prezzo ha iniziato a scambiare euro-dollaro nel momento in cui è tornato operativo sul mercato. (alcuni asset smettono di scambiare alle 22:30 circa del venerdi e tornano operativi alle 23:00 della domenica).

Prezzo di chiusura: Come inidica anche la parola, ci segnala a che prezzo veniva scambiato il titolo seguito, nel momento in cui è stato chiuso sul mercato. Se stiamo osservando un titolo nel momento in cui è operativo, allora il prezzo di chiusura indicato sarà il prezzo dell’ultima chiusura avvenuta nei giorni o ore precedenti.

High: Indica il prezzo massimo con cui è stato scambiato il titolo in base al periodo che abbiamo impostato. Ad esempio se stiamo guardando il grafico del giorno attuale ci indicherà quale prezzo massimo ha raggiunto nella giornata fino a quel momento. Ma se impostiamo che vogliamo guardare il grafico degli ultimi 30 giorni, ci viene indicato il prezzo massimo scambiato raggiunto negli ultimi 30 giorni. (nei grafici non è sempre scritto “high” ma può essere scritto diversamente ma è facilmente riconoscibile come dato statistico).

Low: Stessa cosa di “High” ma all’opposto indicandoci il prezzo scambiato più basso raggiunto nella giornata o nella data impostata da voi.

 

 

 

 

Lascia una recensione

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami